Pronti alle novità?

Dopo sei anni di attesa i fan del regista e animatore giapponese Hayao Miyazaki possono finalmente tirare un sospiro di sollievo, il maestro sta lavorando non ad uno, ma a ben due nuovi progettiper lo Studio Ghibli, e non è da solo.

Ad affiancarlo nella realizzazione di questi nuovi film d’animazione c’è il filgio Gorō, che oltre ad essere come il padre regista e animatore, ha anche progettato il Ghibli Museum di Tokyo, fortemente voluto da Miyazaki padre. All’interno del museo ci sono mostre permanenti e non riguardanti le opere dello Studio Ghibli e un cinema in cui vengono proiettati cortometraggi inediti che non è possibile vedere in altro modo.

A dare questo gradito annuncio è stato Vincent Maraval, fondatore della compagnia di distribuzione Wild Bunch, che dopo aver fatto visita alla sede dello Studio Ghibli ha condiviso con entusiasmo la notizia:

“Posso testimoniarlo, Miyazaki padre e figlio sono al lavoro. Due nuove produzioni dello studio Ghibli sono in corso e i disegni sono in-cre-di-bi-li! Un’emozione grandissima.”

L’ultimo capolavoro di Hayao Miyazaki è Si alza il vento, uscito nel 2013, e fino ad ora si pensava potesse essere anche l’ultimo film del maestro, che invece avrà ancora la possibilità di incantare il pubblico con la poesia dei suoi personaggi.

Non è da escludere che uno di questi progettipossa essere Kimi-tachi wa Dō Ikiru ka, in inglese How Do You Live?, lungometraggio annunciato nel 2017 dallo stesso Miyazaki e programmato per uscire nelle sale dopo 3 o 4 anni. La pellicolasarebbe ispirata ad un romanzo del 1937 di Genzaburo Yoshino, caporedattore del mensile Sekai e opinion leader del Giappone post bellico.

(fonte: Orgoglio Nerd)

Japanese Journey

Con questo video, vorremmo regalarvi alcuni momenti magici del un nostro viaggio in Giappone.

Troverete i Rockabilly dancers al Yoyogi Park di Tokyo, alcuni ritratti rubati in Takeshita Dori (Harajuku, Tokyo), e tanti altri luoghi curiosi da visitare.

Riconoscete questi luoghi?

© carlo stanchina – 2019 – www.carlostanchina.com

L’eremita “naturista” giapponese.

Ha vissuto quasi 30 anni in un’isola deserta, ma ora dovrà ritornare in città.

Masafumi Nagasaki oggi ha 82 anni. Il suo sogno era quello di morire sull’isola.

“Qui non si è mai tristi”

Masafumi Nagasaki, questo il suo nome, nel 1989 ha lasciato la sua vita borghese, per vivere in solitaria immerso nella natura, in un isola dell’arcipelago giapponese delle Yaeyama.

Dopo trent’anni di vita da eremita , la sua salute cominciò a vacillare, costringendo così i servizi socio sanitari giapponesi a prendere provvedimenti.

Lo ha ritrovato un turista, appassionato di naufragi, allarmato dalle sue precarie condizioni fisiche, ha chiamato i soccorsi.

le sue parole ai sanitari furono chiare:

“Non voglio muovermi da qui, io proteggerò questa isola. Rischierò la mia vita per proteggerla. Non troverò mai un paradiso come questo”. “Non mi sento mai triste qui – aveva aggiunto -. Penso che non riuscirei a sopravvivere se provassi quelle sensazioni. Qui le cose sono più realistiche”.

aggiungendo: …

“Non faccio quello che la società mi dice – aveva affermato in un’intervista rilasciata a Docastaway Desert Island Experiences – ma seguo le leggi del regno della natura. Non si può battere la natura, l’unica cosa che si può fare è obbedirle completamente. È questo ciò che ho imparato quando sono venuto qui ed è questo il motivo per cui sono rimasto”.

fonte: huffingtonpost